Le Piante officinali siciliane

Guida al loro riconoscimento ed impiego

 

MALVA

Malva sylvestris
Fam. Malvaceae
Nome dialettale: Marva, Marvuni, Panuzzi

Proprietà

Espettoranti, Antinfiammatorie.

Altri usi

Con i fiori e le foglie si possono ottenere bagni salutari emollienti ed idratanti e si impiegano 10 gr. di malva per ogni litro d'acqua.

Descrizione Botanica Ecologia

Pianta erbacea annuale o biennale con radice fittonante, caratterizzata da portamento eretto, spesso ramificata sin dalla base e cosparsa di peli. Le foglie sono palmato-lobate con contorno dentato e cosparse di peli ghiandolari. I fiori sono solitari, ascellari, peduncolati e sorretti da un peduncolo. La corolla è rosa-violacea sfrangiata ed incisa all'apice. I frutti sono acheni racchiusi in una capsula a forma di mezzaluna.

Vegeta in tutta l'area mediterranea ed in tutti i tipi di suoli, con preferenza per i suoli ricchi. Alcune specie di malva, tutte di interesse officinale sono considerate piante ruderali e degli incolti. La pianta si raccoglie prima dell'estate e prima della fioritura. I principi attivi si trovano nelle foglie e nei fiori.
 

Ricette ed utilizzazioni

Bronchite, Laringite, Raucedine: infondere in 1 litro di acqua per 20
minuti 40 grx di foglie di malva. Filtrare, dolcificare con miele e consumare a tazzine più volte al giorno. Per la raucedine acuta aumentare la dose di malva sino a 80 grammi, secondo lo stesso procedimento.
Infiammazioni delle mucose, foruncolosi, pruriti: preparare infuso con 50 gr. di malva (fiori e/o foglie o entrambe) in 1 litro d'acqua, fare sciacqui, gargarismi e lavaggi secondo la bisogna, più volte al giorno.

redazione

 

curarsi con le erbe

 
 
 
 
 
 
   

Copyright © www.regione.sicilia.it/agricolturaeforeste/azforeste/
Per gentile concessione Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione anche parziale senza specifica autorizzazione
 

                   

  ©  2002/2010 I Sapori di Sicilia