I GRANDI ALBERI DI SICILIA

INDICE

<PAGINA PRECEDENTE

PAGINA SUCCESSIVA>


GLI ALBERI MONUMENTALI NEL CONTESTO DEL PAESAGGIO VEGETALE SICILIANO
 

IL PAESAGGIO DELLA MACCHIA MEDITERRANEA

Il Mirto
Il mirto (Myrtus communis), l'unica mirtacea indigena della flora europea, č un arbusto sempreverde molto ramificato ed aromatico, per l'elevato contenuto in terpeni delle sue foglie; quest'ultime sono
opposte, lucide, glabre, di forma ovale o allungata, ad apice acuto e di colore verde-brillante.
Aspetto residuale di macchia a mirto nella riserva naturale di Vendicari (Siracusa)I fiori, portati da un lungo peduncolo, sono bianchi, provvisti di numerosi stami e molto profumati; la fioritura si verifica in estate. In autunno i numerosi frutti spiccano tra il fogliame per la loro brillante colorazione nero-bluastra, a riflessi metallici, o biancastra; la maturazione cade in pieno inverno (Ph 3).
Specie tipicamente mediterranea, č spontanea e frequente in Italia, soprattutto lungo le zone costiere e sublitoranee delle regioni centrali, meridionali ed insulari.
Il nome volgare č legato a quello di Myrsine, una ragazza attica che, secondo la leggenda, venne uccisa da un giovane che aveva vinto in gara. La giovane fu poi trasformata nella pianta di mirto dalla dea Atena in onore della quale erano celebrati ad Atene feste e giochi (Brosse, 1989).
Per gli Ebrei, il mirto era simbolo di grazia divina, pace e gioia. Nell'antichitą classica era sacro a Venere, dea dell'amore, alla quale i Romani lo offrivano nei sacrifici del primo aprile. Come arbusto sempreverde era considerato anche simbolo dell'immortalitą. Contrariamente all'alloro (Laurus nobilis) che ornava il capo del vincitore dopo una battaglia cruenta, la corona di mirto simboleggiava la vittoria conquistata in modo incruento. Il mirto, inoltre, come pianta sacra a Venere, č stata considerata come simbolo di feconditą e veniva utilizzata per cingere il capo degli sposi e per ornare le loro case. Come pianta legata al matrimonio, durante il Rinascimento viene associata alla fedeltą e all'amore eterno e come tale, raffigurato dagli artisti nelle allegorie matrimoniali. Per la delicatezza ed il candore dei suoi fiori, infine, la pianta simboleggia la purezza e l'umiltą della Vergine Maria.
Gli esemplari di mirto presenti nel Giardino della Kolymbetra (Agrigento), per le straordinarie dimensioni del fusto e per l'altezza, sono da considerare monumentali similmente ad alcuni olivi che insistono nella stessa area.

 

 

DIPARTIMENTO
AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI

Palermo - Via Libertą, 97 tel. 091 7906811
UFFICI PROVINCIALI AZIENDA
Agrigento
tel. 0922 595911
Palermo
tel. 091 7041711
Caltanissetta
tel. 0934 532911
Ragusa
tel. 0932 257865
Catania
tel. 095 72822111
Siracusa
tel. 0931 67450
Enna
tel. 0935 565401
Trapani
tel. 0923 27474
Messina
tel. 090 2985011
Direz. Riserva Zingaro
tel. 0924 35108

le Aree Attrezzate

Le piante forestali di Sicilia

Oasi e aree protette

Curarsi con le erbe

Copyright © www.regione.sicilia.it/agricolturaeforeste/azforeste/
Per gentile concessione Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione anche parziale, con qualsiasi mezzo di acquisizione dei dati anche ad uso personale e didattico

HOMEPAGE



© 2002/2013 I Sapori di Sicilia