I GRANDI ALBERI DI SICILIA

INDICE

<PAGINA PRECEDENTE

PAGINA SUCCESSIVA>


GLI ALBERI MONUMENTALI NEL CONTESTO DEL PAESAGGIO VEGETALE SICILIANO
 

IL PAESAGGIO DELLE COLTURE ARBOREE TRADIZIONALI


Il paesaggio del leccio


Il leccio o elce (Quercus ilex) è una magnifica quercia sempreverde che può essere considerata, a ragion veduta, come la principale protagonista del paesaggio vegetale spontaneo del bacino del Mediterraneo. Esso, tuttavia, si riscontra anche sulle coste atlantiche del Marocco e della Francia occidentale (Bernetti, 1995).
Aspetto residuale dell'antica foresta di leccio in località Piano Zucchi (Madonie)Si tratta di una specie a chioma emisferica, densa ed espansa, costituita da un'imponente architettura di rami frondosi, con tronco robusto, ricoperto da corteccia grigio-cenere, che addentra nel substrato quarzaranitico, vulcanico o calcareo il suo profondo e possente apparato radicale.
Le foglie, di forma alquanto variabile - spinescenti quelle dei rami più bassi ed a margine quasi intero quelle dei rami più alti - sono coriacee, tomentose e grigiastre nella pagina inferiore, mentre quella superiore diventa progressivamente di un verde sempre più scuro. Da questa caratteristica deriva il nome poetico di «ilice nera» con il quale la specie è nota, come anche quello di diverse località in cui essa vive. È il caso, ad esempio, del toponimo Pizzo Nero, località ricadente all'interno della Riserva naturale "Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere, Gorgo del Drago" (Schicchi, 2006c).
Lantico paesaggio italiano, dalle zone sublitoranee a quelle della media montagna, era costituito in passato da foreste di vigorosi lecci. Questo albero era considerato "felice" e "divinatorio" per cui diverse città vennero fondate proprio laddove esistevano grandi piante di leccio, quasi per auspicarne fortuna e prosperità. Plinio riferisce che nella Roma arcaica la corona civica era realizzata con foglie di leccio e solo in seguito fu sostituita da foglie di altre querce (rovere, farnetto, ecc.). Le ghiande, tuttavia, furono mantenute come emblema di onorificenza (Cattabiani, 1996). Esse, tra l'altro, essendo dolci e commestibili, erano molto apprezzate, fin dai tempi più remoti, da varie popolazioni per preparare il pane di quercia.
Larea di distribuzione del leccio corrisponde, pertanto, a quella in cui si è avuto l'iniziale sviluppo delle attività umane che hanno determinato, nel tempo, sostanziali cambiamenti nella preesistente vegetazione naturale. 
>>

 

 

DIPARTIMENTO
AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI

Palermo - Via Libertà, 97 tel. 091 7906811
UFFICI PROVINCIALI AZIENDA
Agrigento
tel. 0922 595911
Palermo
tel. 091 7041711
Caltanissetta
tel. 0934 532911
Ragusa
tel. 0932 257865
Catania
tel. 095 72822111
Siracusa
tel. 0931 67450
Enna
tel. 0935 565401
Trapani
tel. 0923 27474
Messina
tel. 090 2985011
Direz. Riserva Zingaro
tel. 0924 35108

le Aree Attrezzate

Le piante forestali di Sicilia

Oasi e aree protette

Curarsi con le erbe

Copyright © www.regione.sicilia.it/agricolturaeforeste/azforeste/
Per gentile concessione Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione anche parziale, con qualsiasi mezzo di acquisizione dei dati anche ad uso personale e didattico

HOMEPAGE



© 2002/2013 I Sapori di Sicilia