Caltanissetta

 

 

                                          

                                           

 

  inviateci una immagine del vostro comune: sarà pubblicata con il vostro nome

Profilo del Comune

CAP

93100

Territorio (ha)

42035

Abitanti 

60878

Altitudine (mt)

568

Previsioni

Meteo

 

Sito ufficiale del Comune 

TELEFONO

tel. 093 474 111

093 420 000

fax. 0934 582 443 

LINK UTILI

 

www.aapit.cl.it

 
 

Posta al centro della Sicilia, Caltanissetta ha origini remote. Il suo nome fa riferimento all'antica Nissa, località prima sicana e poi greca. In seguito gli Arabi vi aggiunsero il prefisso Qal'at (o Kalat, Castello), creando la voce composta Qal'atan-nisa (Castello delle Donne), dalla quale deriva il nome odierno della città.
Tucidide narra che nel 427 a.C. Nissa era una cittadina presidiata dai Siracusani. Conquistata nel 123 a.C. da Lucio Petilio, che ne fece una colonia romana (Petiliana), dopo essere stata annessa sotto Costantino all'Impero d'Oriente, la città fu conquistata dai Saraceni.
La città attuale cominciò a svilupparsi attorno al Castello saraceno di Pietrarossa; nel 1086 venne conquistata dai Normanni. Conobbe successivamente il dominio degli Svevi, degli Angioini, degli Aragonesi, dei Castigliani (Baronia dei Moncada), degli Austriaci e, infine, dei Borboni dal 1700. Dopo un periodo di decadimento nell'Ottocento, Caltanissetta conobbe un momento di grande prosperità nella prima metà del '900, in coincidenza con la fase culminante dello sfruttamento dei giacimenti di zolfo. Coprendo i 4/5 della produzione solfifera mondiale, in quel periodo Caltanissetta divenne capitale mondiale dello zolfo. Un primato questo che ben presto, però, venne insidiato dagli americani; si arrivò così alla limitazione prima e alla cessazione dopo dell'attività mineraria nissena.
Oggi Caltanissetta è una città moderna che vive principalmente di agricoltura, di industria e di artigianato. Anche il turismo costituisce una fonte di sostentamento, benché sia concentrato prevalentemente nel periodo della Settimana Santa.



fonte: Azienda Provinciale Turismo di Caltanissetta

Distanza dalle città Capoluoghi (in Km)

Agrigento

72

Enna

41

Ragusa 

141

Caltanissetta

 

Messina

229

Siracusa

191

Catania

126

Palermo

142

Trapani

241

 

Censimento 2001 della popolazione

(Dati Istat)

Kmq. 420,35
Abitanti 60.878
Famiglie 21.930
Immigrati 518
Densità 145 

Azienda Autonoma Provinciale per l'Incremento Turistico (A.A.P.I.T.)
Corso Vittorio Emanuele,109
Tel. 0934 530411 - Fax: 0934 21239
www.aapit.cl.it
[email protected] - [email protected]
Uffici Informazioni:
Viale Conte Testasecca, 20 - Tel. 0934 21089

 

Siti personali di

interesse collettivo

I siti web personali di interesse collettivo sono inseriti gratuitamente.

L'inserimento del banner è gratuito ma vincolante all'inserimento del nostro banner in una pagina del  vostro sito 

Clicca per inserimento sito

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

Sagre

Feste

Eventi

Manifestazioni

   
   
   
   
   
Mercati settimanali
   
   
   
   
Mercatini vari
   
   
   

Siti Aziendali

Per essere inseriti fra i siti aziendali è necessario essere affiliati alla guida internet I Sapori di Sicilia
Le aziende affiliate alla guida sono inserite gratuitamente nel comune di residenza
Clicca per richiesta
affiliazione

 

 

 
 
 
 
 
 

  Da vedere

fonte: Azienda Provinciale Turismo di Caltanissetta

 

Castello di Pietrarossa

La Provincia Regionale di Caltanissetta viene anche chiamata "Provincia dei Castelli" per l'alto numero di antichi manieri che sorgono all'interno del suo perimetro geografico. A Caltanissetta, in particolare, è possibile visitare ciò che resta di un antico castello, quello di Pietrarossa, di data incerta ma certamente già esistente nel 1087.
Il Castello di Pietrarossa in origine era costituito da tre torri e si sviluppava su altrettante rupi che si univano alla base a formare un unico ammasso calcareo. Nel 1378 fu la sede di un importante vertice politico dell'epoca: vi si riunirono infatti i Baroni di Sicilia che in quella occasione elessero quattro Vicàri che avrebbero amministrato l'Isola.
Il Castello crollò la notte del 27 febbraio 1567, in seguito ad una forte scossa di terremoto.


Villa Barrile


Veduta del torrione del muro di cinta di Villa Barrile (XIX secolo).
La storia di Caltanissetta è fatta anche di nobiltà e di fasto, e la Villa Barrile ne costituisce certamente una testimonianza. La Villa viene comunemente chiamata "il Castelletto" proprio per il suggestivo torrione merlato del suo muro di cinta, costruito verso la fine dell'Ottocento e oggi più di una volta scelto a rappresentare l'immagine più caratteristica in numerose monografie della città nissena, come un vero e proprio simbolo distintivo.

Portale di Santa Maria degli Angeli


Il portale della Chiesa di Santa Maria degli Angeli, in pietra arenaria, è costituito da un archivolta a sesto acuto strombato a tre piani e decorato con fasce e linee spezzate, di stile normanno.
La Chiesa fu costruita nel XIII secolo; tra il 1225 e il 1239 venne consacrata a S. Maria la Vetere (o degli Angeli) divenendo Matrice della città. In epoche passate rappresentava la Cappella Palatina del Castello di Pietrarossa. Chiusa al culto nel 1873, conobbe un periodo di decadenza e di abbandono.


Lago Sfondato


Posto in località Mimiani, alle pendici del Monte Pertichino, il lago Sfondato ha presentato da sempre un fascino misterioso per le leggende che su di esso la popolazione, fin dai tempi più antichi, ha costruito. Tra le più note, quella secondo la quale il lago è senza fondo ed è collegato al mare attraverso un lungo canale sotterraneo. C'è poi chi dice di avervi visto emergere creature misteriose e fantastiche.
Recentemente il lago ha suscitato l'interesse dei geomorfologi, i quali lo hanno studiato ricorrendo anche a prospezioni geofisiche. Lo Sfondato costituisce un bellissimo esempio di lago carsico, piccolo ma molto profondo, alimentato da una falda di acqua che, in profondità, discioglie rocce saline. Il Lago, contenente acque salmastre, si formò all'inizio del secolo in seguito al crollo repentino degli strati di rocce gessose che sovrastavano un complesso salino progressivamente disciolto dalle acque percolanti.

Abbazia di Santo Spirito



L'Abbazia di Santo Spirito è la più antica chiesa del Nisseno. Consacrata il 2 giugno 1151, venne fondata assai prima dal Conte normanno Ruggero e da sua moglie Adelasia. È una chiesa romanica in stile paleocristiano, con tre piccole absidi e una torre campanaria. Nella lunetta del portale si trova una copia dell'affresco raffigurante il Cristo Benedicente (l'originale, del secolo XV, è conservato all'interno). Internamente si conservano una vasca romanica per il battesimo ad immersione ed un Crocifisso su tavola del secolo XVII. Sono presenti inoltre dipinti di notevole valore artistico, una portantina cinquecentesca, un'urna romana ed antichi testi

Chiesa di San Sebastiano


La Chiesa di San Sebastiano sorge nella bellissima piazza Garibaldi, accanto alla Cattedrale. Eretta, secondo la tradizione, nel '500 come omaggio della popolazione a San Sebastiano per la liberazione della città dal flagello della peste bubbonica, la Chiesa subì nel corso dei secoli diversi ridimensionamenti e restauri, tanto all'interno quanto all'esterno. La nuova facciata, ricca di elementi architettonici ed estremamente eterogenea dal punto di vista stilistico, risale alla prima metà dell'Ottocento e venne realizzata su disegno dell'architetto Pasquale Saetta. Recentemente è stata restaurata. Nell'immagine, in primo piano, il cavallo marino della Fontana del Tritone, posta al centro della piazza.
 

La Cattedrale

 

La Cattedrale di Caltanissetta, edificio di culto più importante della città, fu costruita tra il 1570 e il 1622. Di stile neoclassico, ha una pianta a croce latina e presenta tre navate separate da due ordini di colonne. Le navate laterali sono arricchite da nicchie o altari incassati, con statue della Vergine, di Gesù risorto e di diversi Santi. Splendidi sono gli stucchi e gli affreschi di Guglielmo Borremans (1720), che decorano le colonne, gli altari e la volta. Di notevole interesse sono anche l'organo barocco, dipinto in oro zecchino (1601), e la statua di San Michele Arcangelo (patrono della città) del XVII secolo, opera dello scultore Stefano Li Volsi.
Nell'immagine è visibile la facciata principale dell'edificio, restaurata recentemente.


Ponte Capodarso

Il Ponte Capodarso deve il suo nome dall'omonimo Monte situato a nord-est di Caltanissetta.
Il ponte, inizialmente ad un solo arco, venne eretto nel 1553 su progetto di due maestri veneziani e attraversa un tratto del fiume Imera Meridionale. Considerato da sempre come una straordinaria opera di ingegneria, in passato veniva considerato come "meraviglia". Nel 1863 vi furono aggiunte le arcate laterali, destinate al sottopassaggio delle vie sommergibili che esistevano lungo le sponde del fiume. L'arco centrale è stato rifatto nel dopoguerra.
 

Chiesa di S. Agata e Collegio dei Gesuiti


La Chiesa di S. Agata (iniziata nel 1605) presenta un interno a croce greca ricco di tarsie marmoree, con un palioti finemente decorati ad intarsio di marmi policromi nei vari altari. Ad essa è annesso il Collegio dei Gesuiti, costruito tra il 1589 e il 1600 per volere dei Moncada. Il Collegio presenta all'interno un ampio cortile porticato, opera di Natale Masucci (1605). L'edificio è in stile barocco, con lesene, portali e nicchie in pietra arenaria. Una delle sue caratteristiche più appariscenti è la grande eterogeneità dei materiali utilizzati per la sua costruzione: legno, ferro, pietra e gesso, che a volte sembrano fusi e confusi tra loro, ma che in realtà convivono in armonia, ciascuno con una sua dignità ed un suo preciso spazio.
 


Fontana di San Francesco
 

L'esagonale fontana-abbeveratoio di San Francesco, la cui costruzione risale al 1666 (come ricorda l'iscrizione incisa in una lapide di marmo affissa nel pilastro rimasto), era originariamente conclusa da una stele triangolare contenente un'aquila marmorea.


Masseria Turofili



La Masseria Turofili si trova nell'omonimo feudo appartenuto alla famiglia Barrile dei Marsi sin dal XV secolo. È organizzata attorno ad una corte, con ingresso principale sormontato da uno stemma gentilizio. Nell'immagine, in posizione più elevata, si intravvede la chiesa di Santa Germana.

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

MUSEI

Antiquarium Iconografico di Sabucina
Caltanissetta

loc. Sabucina Tel. 0934 566 982

Apertura tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 18.00
La domenica apertura solo la mattina fino alle ore 13.00 - Ingresso £. 4.000, minori ed over 60 anni gratis, dai 18 ai 25 anni £. 2.000, insegnanti £. 2.000

Museo Archeologico
Caltanissetta

via N. Colajanni, 3 Tel. 093 425 936

Apertura 9.00-13.00 - 15.30-19.00 Compreso festivi
Ingresso £. 4.000, minori ed over 60 gratis, dai 18 ai 25 anni £. 2.000 Insegnanti £. 2.000 - I gruppi devono prenotare. Chiusura: ultimo lunedì del mese.

Museo d'Arte Sacra
Caltanissetta

viale Regina Margherita, 29 Tel. 093 423 014 (Museo) 

093 421 165 (Seminario)

Museo del Folclore e delle Tradizioni Popolari
Caltanissetta 

Chiesa di S. Pio X, via N. Colajanni 

Tel. 0934 530 411 - 0934 530 403 (APT)

Museo Mineralogico e Paleontologico della Zolfara
Caltanissetta 

Istituto Tec. Industriale, viale della Regione, 71 Tel. 0934 591 280

  Museo Merceologico
v.le della Regione, 73

Caltanissetta 

 Tel. 0934591280
Apertura 9.00 - 13.00

   
   
   
   
   
   
   
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

indice comuni

  


©  2002 2009 I Sapori di Sicilia