le Aree Attrezzate

Gli alberi Monumentali di Sicilia

Le piante forestali di Sicilia

Piccolo vocabolario botanico

Oasi e aree protette Piante Officinali in Sicilia

Curarsi con le erbe

  

LA COPERTURA VEGETALE

La composizione arborea forestale naturale è rappresentata in genere dalla presenza spontanea di leccio, sughera, roverella e frassino. Fattori di origine antropica e non, hanno via via limitato nel tempo queste superfici.
Peraltro anche le originarie associazioni arbustive come le macchie di latifoglie sempreverdi hanno subìto, per gli stessi motivi, profonde modificazioni, l'ultima fase delle quali rappresenta lo stato attuale della vegetazione spontanea. Essa infatti è rappresentata, in alcuni casi, da una prateria steppica che è la fase ultima della degradazione alla quale si è pervenuti per il sinergismo dei fattori antropici associati a quelli climatici.
Solo alcuni territori che non hanno subìto l'influenza negativa dei predetti fattori presentano un accentuato grado di copertura vegetale, inerente soprattutto il piano arbustivo.
Si ritrovano allora rovi, corbezzoli, perastri, ginestre, lentischi e oleacee, il cui grado di copertura nei confronti del suolo è, si può dire, totale ed ai fini idrogeologici il sistema vegetazionale manifesta appieno gli effetti positivi. Un posto particolare nella copertura di molti terreni di montagna occupa l'Ampelodesma.
La sua presenza, il suo grado di copertura è tale che questa pianta esercita spesso l'unica difesa idrogeologica possibile.
Tuttavia al tempo stesso manifesta accentuatissimi fenomeni di concorrenza idrica e nutritiva nei confronti della giovane vegetazione arborea per cui la sua presenza nel caso di impianto artificiale è responsabile dei notevoli insuccessi.
Il grado di copertura assicurato dai boschi artificiali fin qui realizzati, è molto variabile. Si può dire che in genere i territori risultano per il 30% a densità oscillante fra il 50 e 1'80%; il 40% con valori medi al di sotto del 20% ed il restante 30% con grado di copertura tra 20 e 50%.
I boschi a densità normale non presentano in genere tutti e tre gli stadi vegetazionali e cioè quello arboreo, arbustivo ed erbaceo. In genere manca il sottobosco arbustivo, o il sottobosco costituito da specie forestali sciafile.
I boschi con grado di copertura media sono in genere boschi puri di conifere. I terreni infine il cui grado di copertura è tale da catalogarli fra quelli da considerare nudi sono talora cosi costituiti: tare, litosuoli, terreni fortemente dilavati, zone soggette al frequente ricorrere di incendi, etc.
I tentativi fin qui fatti hanno dimostrato che occorre sostituire alle conifere mediterranee le latifoglie quercine, per semina o piantagione, non perdendo tuttavia di vista che un efficacissimo grado di copertura si potrà raggiungere solo attraverso una conveniente copertura arbustiva.
 

 

 

Copyright © www.regione.sicilia.it/agricolturaeforeste/azforeste/
per gentile concessione Tutti i diritti riservati

HOMEPAGE


© 2002/2013 I Sapori di Sicilia