Scuola Media Statale
"Dante Alighieri"
PROGETTO RISERVA NATURALE


TEMA IN CLASSE

Attraverso la documentazione sui vincoli della riserva a Pantelleria sei arrivata a crearti delle opinioni su tale istituzioni? Quali sono?

Componimento n. 1

Da qualche tempo anche qui a Pantelleria, sono state istituite delle riserve, per proteggere zone, piante e animali tipici del posto, che ormai sono in via di estinzione.
Le zone salvaguardate dalla riserva sono parecchie: Punta Spadillo, Cala 5 Denti, Lago, Bugeber, Randazzo, Montagna Grande, Monte Gibele, Favare, Tombe Bizantine, Salto della vecchia, Balata dei Turchi, ecc.
Il territorio di origine vulcanica, ha favorito lo sviluppo e la conservazione di alcune piante endemiche (e cioè sono tutte quelle piante spontanee, che per svilupparsi non hanno bisogno dell'intervento dell'uomo), tra cui l'edera, il corbezzolo, il mirto, il timo, il ginepro...
Le aree da proteggere all'interno delle riserve, possono essere di 2 tipi:
- Zona A, dove non si può toccare né prendere niente: è proibita la caccia, l'uccellagione, l'edilizia sconsiderata...; si può solo andare per passeggiate nella natura e per scopi scientifici;
- Zone B, chiamate anche zone cuscinetto, dove si possono svolgere diverse attività (artigianali, agricole, sportive, turistiche...), recuperare vecchie costruzioni o fare qualche piccola aggiunta, purché si rispetti l'ambiente tipico.
Alcuni ambientalisti si stanno interessando di istituire anche un parco marino che salvaguardi la flora e la fauna marina e che metta un freno ai problemi di estinzione delle specie e all'inquinamento del mare.
Un problema che si può verificare all'interno delle riserve, è l'eccessiva quantità di animali, che hanno modo di moltiplicarsi all'infinito e questo può portare problemi: qui a Pantelleria, è il caso del coniglio selvatico, che, cibandosi dei prodotti agricoli, rovina le coltivazioni dei contadini e mette in crisi l'agricoltura. In questi casi, la forestale e le associazioni ambientaliste dovrebbero intervenire prelevando gli animali in sovrannumero.
A scuola abbiamo parlato delle riserve anche l'anno scorso: alcuni ragazzi hanno fatto un'uscita didattica per conoscere meglio quali sono, nella nostra isola, le zone protette e sono stati accompagnati in giro per i sentieri più significativi; lo non sono stata sorteggiata per quest'esperienza, ma mi sarebbe piaciuto partecipare. Tutti questi sono stati dei lavori utili: è importante conoscere i meccanismi della natura per salvaguardarla.
Sempre sul tema della riserva la prof. Vicinelli ha organizzato una bellissima mostra sulla flora e la fauna pantesca e qualche settimana fa, sono venuti a scuola degli specialisti per parlarci degli uccelli e dei conigli selvatici di Pantelleria.
Certe volte i problemi del rispetto della natura non sono facili da conciliare con gli interessi dell'uomo.
 

Irene Chiodi - III C


Componimento n. 2

In classe abbiamo parlato molto dell'istituzione di una riserva a Pantelleria. Essa è stata creata per salvaguardare piante e animali rari ed in via di estinzione e i tanti fenomeni vulcanici della nostra isola.
Per quanto riguarda la flora a Pantelleria sono presenti alcune piante esclusive dell'isola, come la "Ginestra di Pantelleria", la "Violaciocca", il "Perpetuino", ecc.
Sono presenti uccelli rarissimi in Europa, come la cinciarella algerina.
In classe siamo arrivati a crearci molte opinioni riguardo a questa riserva, soprattutto dopo aver letto e discusso sul suo regolamento.
Abbiamo scoperto che nella zona A della riserva è impossibile aprire cave, cacciare, modificare il regime delle acque, piantare o allevare animali ché non fanno parte degli endemismi del luogo. Attorno alla zona A c'è la zona B o zona-cuscinetto. Essa è una fascia che è stata creata per impedire il facile sconfinamento da una zona senza divieti alla riserva.
In questa zona si può praticare agricoltura, agriturismo, attività ricreative, purché siano nel limite del rispetto dell'ambiente.
Io sono d'accordo su alcuni aspetti della riserva, ma su altri no.
Per esempio in una riserva non si potrebbe andare a funghi e questa attività mi diverte moltissimo. Non credo che molti rispetteranno questa regola, anche perché gli uomini della sorveglianza sono i primi ad andarli a raccogliere.
Il Monte Gibele fa parte della riserva e, poiché è il mio posto preferito (e di molti altri) per fare escursioni e giocare a calcio, sono portato a vedere l'istituzione della riserva come una costrizione, una serie di proibizioni.
La riserva porterà però anche molti vantaggi: si potranno salvaguardare molte piante, animali e paesaggi di Pantelleria e, grazie a questo, ci sarà un turismo non legato solo alla balneazione.
Spero che in questa riserva ci siano dei miglioramenti soprattutto sul regolamento e sulla sorveglianza.

Andrea Gabriele


Componimento n. 3

Anche a Pantelleria è stata creata una riserva che comprende le zone di Punta Spadillo, Cala cinque denti, Bagno dell'Acqua, Cuddia Randazzo, Cuddia di Mida, Montagna grande, Grotta del Bagno Asciutto, Grotta dei Briganti, Monte Gibele, Favara Grande, Tombe Bisantine, Cuddia Attalora, Salto
la Vecchia, Balata dei Turchi.
La riserva di Pantelleria è divisa in zona A e B, nella zona A non si possono raccogliere funghi, non si possono fare gite, non si può cacciare e non si possono costruire case, non si può restaurare, né costruire muri, né piantare alberi che non sono della macchia mediterranea. Invece nella zona B si può fare qualche cosa come restaurare case vecchie e in alcuni casi si può cacciare. La riserva di Pantelleria ha il compito di conservare la natura e i pochi animali che ci sono ma soprattutto la macchia mediterranea che nelle altre isole è quasi del tutto scomparsa.
La riserva di Pantelleria potrebbe aiutare l'economia dell'isola, attirando molti turisti che amano la natura e vogliono studiare la flora di Pantelleria. Però ci sono anche le persone a cui la riserva non piace perché non si può andare a caccia o perché non si possono raccogliere funghi.
Io sono uno a cui piace la riserva perché proteggi la vegetazione e gli animali di Pantelleria.

 

(manca la firma)

Copyright © www.regione.sicilia.it/agricolturaeforeste/azforeste/
Per gentile concessione Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione anche parziale senza specifica autorizzazione

HOMEPAGE

©  2002-2007  I Sapori di Sicilia